Dall’ Antipasto alla Zuppa: il farro biologico di Le Prata

                         “Il farro nutrisce di più che non fa l’orzo e nei cibi è soave”                                                             

scriveva il medico toscano Pietro Andrea Mattioli nel ‘500. La Fattoria Le Prata, con l’attenzione al territorio di sempre e con un occhio di riguardo anche alla storia …è orgogliosa di presentare il farro biologico di sua produzione.

cattura

Il farro aveva preceduto l’ormai più popolare grano nelle coltivazioni delle prime popolazioni del Mediterraneo: il farro era così diffuso che la parola farina deriva proprio dal suo nome latino “far”, ci avevate mai pensato? Recentemente, nel fiore dei suoi 7000 anni  è tornato ad essere una star della gastronomia per i numerosi lati positivi che gli agricoltori toscani non hanno mai dimenticato:

1) E’ il cereale meno calorico, ha un indice glicemico molto basso ma molto nutriente per il contenuto di fibre, vitamine ( A e B), sali minerali (potassio e fosforo) e proteine (15%)!

2) Cresce in terreni poveri di sostanze nutritive e resiste al freddo!

3) E’ un cereale versatile, buono in chicchi (per piatti freddi e zuppe), macinato in farina per paste alimentari, pane, biscotti e… in tutte le ricette che abbiamo selezionato per divertirci in cucina con il Farro le Prata.

Polpette di farro

 

foto di
immagine di  www.therealitalianfood.com

 200 gr farro 1 cipolla, olio EVO (q.b.)  ½ litro brodo, 2 mozzarelle, 4 uova, 100 g di parmigiano, 1 pugno di pangrattato, sale e pepe

Fate soffriggere la cipolla e una volta dorata aggiungete il farro continuando la cottura (per 25-30 min) con l’aggiunta del brodo, come un classico risotto. Quando sarà cotto toglietelo dal fuoco fino a farlo intiepidire. In una terrina mescolate il parmigiano alle uova sbattute, al sale, al pepe e formate delle palline piuttosto grosse. Farcitele con la mozzarella tagliata a pezzetti e ricopritele di pangrattato. Ora le polpette sono pronte per essere fritte in abbondante olio.

 

Insalata di farro estiva

immagine di www.veraclasse.it
immagine di http://www.veraclasse.it

300 g di farro,150 g di pomodorini, 80 gr rucola, 150 g di cacio ricotta (ricotta dura) 50 g di olive nere. Olio Evo, 3 foglie di basilico

Cuocete il farro in abbondante acqua salata per 15/20 minuti, scolate e lasciate raffreddare. In una ciotola tagliate i pomodorini, conditeli con olio, basilico, sale e lasciate che si insaporiscano. Unite il tutto al farro, alla caciotta tagliata a dadini e alle olive nere. Condite poi con la rucola e lasciate riposare in frigo per una mezz’oretta. Potete sorprendere gli ospiti con un tocco di eleganza aggiungendo pezzetti di salmone affumicato al posto del formaggio!

Zuppa di farro e pomodoro

immagine di
immagine di blog.giallozafferano.it

250 g di farro, 200 g di fagioli, una cipolla, una carota, un gambo di sedano, un cucchiaio di conserva di pomodoro, olio EVO, sale e pepe q.b.

Lessate i fagioli (messi ammollo per 12 ore) in 1,5 lt di acqua salata e quando saranno ben cotti, riducetene la metà a purea e rimettetela nel brodo di cottura. In un’altra pentola rosolate nell’olio la cipolla, la carota e il sedano tritati ; colorate il soffritto con la salsa di pomodoro. Dopo una decina di minuti unite il tutto al brodo con i fagioli e aggiungete il farro. Cuocete per un’ora e la zuppa è pronta!

 

 

Dolce al farro  (firmato Greenstyle.it )

crostata-di-farro-alla-crema-725x545-1
immagine di www.donnamoderna.it

150 g di farro, 1 litro di latte fresco scremato, 100 g di zucchero di canna, 3 uova, un cucchiaio di scorza grattugiata di limone, mezzo cucchiaino di zenzero in polvere.

“Fate bollire il latte, quindi lessatevi il farro per 20 minuti. A cottura ultimata unite lo zucchero, la scorza di limone grattugiata e lo zenzero in polvere. Fate raffreddare a temperatura ambiente, quindi unite i tuorli uno alla volta, fate attenzione ad amalgamare bene il primo tuorlo prima di aggiungere il secondo e così via. Montate gli albumi a neve ferma e aggiungeteli all’ impasto. Amalgamate il composto, quindi versatelo in uno stampo antiaderente per dolci e fate riposare per 2 ore. Cuocete il dolce in forno caldo a 180 °C per 45 minuti circa.”

Le presentazioni sono state fatte. Ora non vi resta che provare il farro della fattoria Le Prata!

Bibliografia 

www.greenstyle.it/torta-farro 

http://www.benessere360.com/farro-proprieta.html

Paolo Petroni Il grande libro della vera cucina toscana, Edizioni Il centauro, 1996, Firenze

Laura Rongoni, 500 ricette con i cereali, newton compton editori, 2006, Roma

Anna Villarini, Scegli ciò che mangi, Sperling e Kupfer, 2011

http://www.saperesapori.it/News/tabid/306/articleType/ArticleView/articleId/548/Il-farro.aspx#.V9fE9JiLTIU

Walter Pedrotti, Conoscere e cucinare i cereali, Demetra, 1999, Colognola ai colli, Verona

http://nut.entecra.it/646/tabelle_di_composizione_degli_alimenti.html?idalimento=000020&quant=100

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...