Piccola guida al farro Le Prata

Parte 1: Ci vuole un seme

Problema di oggi: conoscere a fondo il farro di Le Prata e come cresce, da quando è ancora un seme nelle mani dell’agricoltore Alessandro.

Soluzioni: qui a Le Prata ne abbiamo trovata qualcuna.

  • Venire a “spiare” come procedono semina, crescita e raccolta direttamente in azienda;
  • assaggiarlo nelle strepitose ricette che trovate qui;
  • interrogare i chicchi in pentola;
  • consultare dei lunghi manuali di Scienze agrarie;
  • leggere questo articolo!

Se il consumatore fedele non può venire in Fattoria, allora la Fattoria andrà a casa sua. Quindi, preparatevi ad una gita nei campi, in partenza dal vostro salotto! Come per ogni cereale, la storia del farro inizia da qui:

seminatrice

Anzi per essere più precisi, inizia da qui:

dsc_2033-copia

Ecco che si può vedere la cariosside in tutta la sua bellezza.

Quello che noi comunemente chiamiamo chicco e più tecnicamente cariosside o granella è la custodia del prezioso seme, protagonista di questa guida. È, quindi, il piccolo frutto secco e commestibile della pianta che crescerà.

(Se vuoi rinfrescarti la memoria sulle proprietà nutritive del farro puoi leggere questo articolo)

Il farro è una coltivazione rustica e resistente anche alle situazioni più estreme, per questo molto adatto per un’ agricoltura biologica. È un cereale autunno- vernino, quindi si semina in inverno per poi germogliare, fiorire e maturare nei mesi successivi.

Così il Farro di Le Prata è stato seminato nella prima settimana di dicembre e mentre le attività di Alessandro proseguono, il cereale intraprende il suo meraviglioso ciclo fenologico.

frumento

  1. Germinazione: il nostro seme germina quando ha ossigeno, acqua a sufficienza ed una temperatura minima di 2°C ( ve l’avevamo detto che cresce in condizioni estreme)! Cosa accade di preciso? La cariosside assorbe una quantità d’acqua pari al 40 % del suo peso prima che spuntino le radichette primarie e il coleoptile, una specie di involucro che avvolge le foglioline sottostanti, che si preparano a sbucare.
  2. Emergenza: le prime foglioline spuntano rompendo il coleoptile. In questa fase sono 3/4, appaiono verdi e ben srotolate.

dsc_2025-copia                 dsc_2026-copia

Cosa succede dopo l’emergenza?

I giorni passano, i mesi ci salutano veloci e col trascorrere delle stagioni, il farro di Le Prata prende il sole, il nutrimento e le cure necessarie per diventare quello che mangeremo.

Procuratevi un po’ di pazienza ( quella degli agricoltori) e la stessa dose di sana curiosità ( quella dei consumatori attenti) per sapere come cresce il nostro farro, qui sul blog Di Le Prata!

 

 

 

Bibliografia 

www.isvirginio.it/public/materiale_didattico/frumento_fasi%20fenologiche.ppt

http://cird.unive.it/dspace/bitstream/123456789/263/9/Modulo_6.pdf

http://www.informatoreagrario.it/ita/riviste/vitincam/09vc11/11032.pdf

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...